4a Giornata Argentario Coastal Race

Fine settimana intenso per i partecipanti della 4 Argentario Coastal Race. Sabato 8 le condizione meteo prevedevano vento proveniente dal quarto quadrante con intensità tra i 25-28 nodi, in leggero calo nel corso della giornata e mare mosso. Questa situazione induceva il Comitato di Regata a costruire un percorso di 12.3 miglia il più possibile ridossato, posizionando le boe tra Porto Ercole, la spiaggia della Feniglia e Ansedonia. Alle 11:30 il CdR iniziava le procedure di partenza con vento di maestrale, e raffiche fino a 30 nodi; condizioni che esaltavano le qualità marinaresche dell’imbarcazione d’epoca Galahad di Gerhard Niebauer, un Morgan Giles costruito nei primi anni sessanta per la Royal Navy destinata per l’addestramento velico degli allievi del Naval Engineering College di Manadon (Plymouth), che riusciva a rimanere incollata al resto della flotta composta da barche moderne e a vincere la prova in tempo compensato sia in IRC, davanti a Ari Bada, l’Elan 45 di Agostino Scornajenchi e Madifra 6 l’X 382 di Vincenzo Santarcangelo, sia in ORC davanti ad Ari Bada e Crudelia l’Oceanis 411 di Mauro De Sanctis.
Domenica, arrivati a Cala Galera, si apprendeva una notizia che ha rattristato il mondo della vela del promontorio, durante la notte era venuto a mancare l’Ammiraglio Roberto Giuriati il quale ha ricoperto anche il ruolo di Presidente del Circolo Nautico e della Vela Argentario. Superato il momento di commozione, tutti a lavoro per affrontare la difficile giornata caratterizzata
dalla bassa pressione presente sull’Argentario con previsioni che annunciavano un leggero vento di levante nella mattinata e repentino cambiamento nelle prime ore del pomeriggio con vento di 30-35 nodi proveniente da nord. Per anticipare il salto di vento e il conseguente peggioramento delle condizioni meteo il CdR ha deciso di anticipare alle 10:30 il segnale d’Avviso preceduto da un minuto di silenzio con le prue delle imbarcazioni rivolte al vento sulla linea di partenza per commemorare la scomparsa dell’Ammiraglio Giuriati.
La Regata si è disputata con vento proveniente da levante con intensità di 13 nodi, andando progressivamente a scendere per finire a cinque nodi, quando quasi tutte le barche erano al sicuro in porto. Il salto di vento annunciato dalle previsioni si è avverato e in pochi minuti ha cominciato a soffiare da nord con intensità di 20-25 nodi che costringeva le ultime due imbarcazioni ad un faticoso arrivo in bolina.
La prima posizione in tempo reale e in tempo compensato ORC premiava il ritorno alle regate del Comet 45 Quattrogatti di Andrea Casini,9 costretto a disertare la prima parte del Campionato per un’avaria all’albero, in tempo compensato IRC prima posizione per Madifra 6.
In classifica generale IRC dopo 4 prove guida la classifica Madifra 6 davanti ad Ari Bada e Fiore il J35 di Luca Apriati; in ORC prima posizione per Galahad, seguito da Ari Bada e Crudelia.
Consueto pasta party presso la sede del CNVA e brindisi di saluti per l’ultima regata organizzata dal circolo nel 2018.

Il Consigliere allo Sport
Arch. Augusto Massaccesi

Classifiche: http://cnva.it/regate/risultati/3463-classifiche-dopo-4-prove-argentario-coastal-race-2018-2019

4aGiornata6

Anteprima in gara nella seconda prova dell’Argentario Coastal Race

C’era grande attesa sul campo di regata della seconda prova dell’Argentario Coastal Race per l’esordio del Grand Soleil 48 Performance appena presentato nei recenti saloni nautici, che l’armatore Gennarino Tozzi ha testato in anteprima. La giornata, partita un po’ uggiosa, è migliorata subito dopo il briefing con l’arrivo sul campo di regata di dieci nodi di vento dal quarto quadrante, giusto in tempo per la partenza . Sulla linea di partenza anche Vamos Adelante , il Tripp 36 di Fabio/Oris D’Ubaldo, in piena forma dopo le riparazioni necessarie a causa della mareggiata.
Alle 11:05 partenza regolare per le quattordici imbarcazioni iscritte, percorso di 13.9 miglia che dopo una bolina di un miglio lasciavano la boa a dritta per dirigersi verso la seconda boa, con vento in aumento fino a 15 nodi di intensità, posizionata in prossimità di Burano, terza boa al centro del golfo e rientro verso Porto Ercole con arrivo davanti a Cala Galera.
La prima imbarcazione a tagliare il traguardo dopo due ore e undici minuti di regata è Ari Bada, l’Elan 45 di Agostino Scornajenchi. La classifica IRC in tempo compensato vede al primo posto Sventola il Bavaria 38 di Massimo Salusti, secondo posto per Madifra 6 l’X 382 di Vincenzo Santarcangelo e terzo posto per Fjore il J 35 di Luca Aprati. In classifica generale Sventola mantiene la prima posizione seguita da Fjore e terza posizione per Madifra 6.
In ORC vittoria per Galahad la barca d’epoca di Gerhard Niebauer che quando il vento comincia a soffiare riesce a tenere bene il confronto con le barche più moderne, secondo posto per Ari Bada e terzo posto per Crudelia, l’Oceanis 411 di Mauro De Sanctis. Ari Bada guida la classifica generale davanti a Galahad e Crudelia.
Grande soddisfazione generale per essere riusciti a strappare una appassionante giornata di mare accompagnata anche da qualche raggio di sole e degna conclusione della giornata con il classico pasta party al CNVA.
Il prossimo appuntamento con l’Argentario Coastal Race è in programma nei giorni 8 e 9 Dicembre.

Classifiche complete su:
http://cnva.it/regate/risultati/3457-classifiche-dopo-2-prove-argentario-coastal-race

Arrivo 2a giornata

Europeo RS Feva, un'esperienza da cui imparare

Si chiude oggi, nel giorno di ferragosto, il Campionato Europeo RS Feva che si è svolto nel sud ovest dell'Inghilterra, precisamente a Weymouth, che fu nel 2012 campo di regata delle Olimpiadi di Londra. La flotta tricolore era rappresentanta da 6 equipaggi del CNCarrara, CNComo, CNSavio e CNVArgentario che hanno lottato per conquistare una piazza d'onore tra i 130 equipaggi di cui il 75% erano equipaggi di casa (GBR).

Per il primo europeo a Tallin c'è anche il CNVA

E dopo la brillante prestazione al mondiale di match race adesso è il turno del Campionato Europeo di specialità a Tallin, Estonia per bissare il successo dello scorso anno. Infatti il team del Cnva guida la classifica del proprio gruppo, al termine della prima giornata di regate del Campionato Europeo Match Race, in corso a Tallin fino al 12 Agosto. "Mancano ancora due prove per entrare nei quarti di finale, ma al momento siamo gli unici ad aver vinto 5 prove su 5" dice Ettore Botticini. "Oggi la difficoltá maggiore era rappresentata dalla boa di bolina posizionata troppo vicino al molo frangiflutti, quindi di non facile interpretazione, ma c'è la siamo cavata. La Giuria poi ha ritenuto di rigettare una protesta presentata nei nostri confronti". Dopo l'intensa giornata di regate il team è giá a riposo per tornare in acqua nel pomeriggio di domani. L'evento organizzato per la prima volta nella capitale della nazione baltica è organizzato dal Tallin Yacht Club

 

Ettore Polish 3

Un italiano J70, targato anche CNVA

BRAVA BENNI​ . Impossibile non notare che nel Campionato Italiano J70, la Classe velica più emergente nel panorama internazionale delle piccole sportive, G Spottino ha messo a segno qualche bel tiro. Se la media dei piazzamenti sulle 9 regate ha comunque consentito al Team capitanato da Benedetta Iovane di rimanere sempre nella prima metà della classifica e di chiudere la serie ad un onorevolissimo 15° posto, su 74 team con fior di campioni a bordo, non possiamo fare a meno di notare che in regata 5 la nostra Benedetta ha messo alle spalle l’intera flotta, vincendo la regata.

«
»

CALENDARIO REGATE 2018

CALENDARIO REGATE ORGANIZZATE DAL CNVA 2018 Argentario Coastal Race e MonteArgentario Winter...

Chi Siamo

Il Circolo Nautico e della Vela Argentario nasce dalla fusione avvenuta nel 1974 fra il Circolo Vela Argentario e il Circolo Nautico Porte Ercole...

Seguici su:

   

Contatti

Per informazioni generali, compresa la registrazione, vi invitiamo a contattarci all'indirizzo:
 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 0564/833804
 0564/833904
Cala Galera, Porto Ercole 58018 (GR)